Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Tanti auguri al mio risveglio!!

Ebbene si… Ieri il mio risveglio ha compiuto un anno! È ancora un neonato, si puó dire, ha ancora tantissimo apprendere, ma è emozionante sapere che sto crescendo una creatura tanto delicata quanto vogliosa di nutrimento!

In questo ultimo anno, posso dire di esser cresciuta moltissimo. Nonostante avessi da poco compito 38 anni, l’anno scorso, prima del mio “risveglio”, ero una donna con la sindrome di Peter Pan. Per carità, nulla in contrario anzi, delle volte è un bene lasciar carta bianca al nostro fanciullo interiore, purchè non crei danni: una buona sana dose di disciplina al nostro fanciullo non fa male! Io purtroppo avevo lasciato un po’ troppo allo sbaraglio quel fanciullo che aveva preso il sopravvento, portandomi poi a conseguenze piuttosto gravi che ancora ora sto cercando di sistemare. Nell’ultimo anno mi sono documentata molto, con libri, articoli e interviste che mi hanno permesso di accrescere la mia conoscenza del mondo spirituale e meditativo.

Quando dico che il mio risveglio è ancora un infante, lo dico con cognizione perchè mi rendo conto di quanto sia difficilissimo metter in pratica tante pratiche (scusate il gioco di parole) perchè spesso, moooolto spesso, non si riesce a metter da parte i sentimenti o a lasciar andare, spesso non si riesce a metter la parola fine dopo una giornata di lavoro snervante o non si riesce a non farsi i classici film su come andrà domani. Io per esempio sono la regina indiscussa dei film e delle paranoie, peró sto cercando giorno dopo giorno di migliorarmi in modo consapevole. Nelle ultime settimana, tutti i miei buoni propositi e i miei studi purtroppo sono venuti meno perchè sento di esser molto stanca. Non tanto fisicamente, quanto emotivamente. Ripongo spesso la mia fiducia nell’umanità delle persone o nella giustizia, divina nel mio caso; voglio potermi fidare e credere che ancora esistano, ma non è facile perseguire questo credo quanto vedi che la cattiveria sembra esser sempre piú alimentata e ripagata e tu, che fondamentalmente sei buona, troppo buona, vieni messa al tappeto e spazzata via, riposta nell’angolo piú remoto di uno sgabuzzino dove vengono tenuti secchi e stracci per pulire a terra. Ma sapete vi dico? Che se c’è una cosa che ho capito è che prima o poi tutto torna, sia nel bene che nel male. Io ora ho bisogno di riposare: come dice il famoso proverbio di Confucio:

Siediti lungo la riva del fiume e aspetta, prima o poi vedrai passare il cadavere del tuo nemico

Namastè a tutti

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: